Home  | Chi siamo  | San Giuseppe da Leonessa  |   Contatti  |  Bimestrale 
EDITORIALI


Anni precedenti...
SOMMARI


Anni precedenti...
COPERTINE


Anni precedenti...
ARTICOLI PUBBLICATI


Tutte le rubriche...
DOWNLOAD
  Leonessa e il suo santo Online - Home Page Tutte le notizie e gli appuntamenti
____________________________________________

"
"Continuiamo"
Ripartire, è l'invito che viene dal tempo pasquale dopo la mestizia del venerdì santo e il silenzio del sabato santo;
ripartire, è lo stimolo che suscita in noi la primavera dopo le rigide giornate invernali;
ripartire, è il desiderio unanime di superre la crisi di valori che attanaglia il mondo intero;
ripartire, è lo spirito con il quale ogni cristiano intende voltare pagina dopo momenti di aridità e fatica;
ripartire, è la spinta che anima i sentimenti di tutti noi che desideriamo la continuità della rivista Leonessa e il suo Santo dopo perdita del caro padre Anavio."


Così P.Orazio e P.Carmine hanno iniziato l'editoriale sul numero 317, marzo - aprile 2018 che ha già raggiunto le case di tutti gli abbonati: a breve anche il sito sarà aggiornato con i relativi contenuti.

____________________________________________

Il sito è stato aggiornato con i contenuti del numero 316,
gennaio - febbraio 2018,
della rivista Leonessa e il Suo Santo










____________________________________________

P. Anavio Pendenza ci ha lasciati.
Oggi, 20 marzo 2018, si è spento dopo una malattia scoperta la scorsa estate che in pochi mesi lo ha condotto alla casa del Padre.
Fino alla fine con la tenacia e la caparbietà che lo contraddistingueva è stato sul suo computer ed ha licenziato - accelerandone l'uscita - anche il primo numero di Leonessa e il Suo Santo del 2018.

A settembre avrebbe compiuto 76 anni, 49 dei quali trascorsi da frate cappuccino, quasi tutti nel convento di Leonessa. Frate, professore di religione, parroco, fotografo, amante come pochi della montagna leonessana che conosceva palmo a palmo, ma soprattutto amico. Tantissime le volte che ci siamo trovati fianco a fianco ad impaginare la rivista, i libri delle splendide immagini di Leonessa. Pignolo, preciso, puntuale teneva molto alla "sua" Leonessa che ha fotografato e descritto come pochi, fissandone su pellicola e su carta pregi e difetti. Mi mancherà l'amicizia, i confronti che avevamo sui temi più disparati e quell'ultimo sguardo di ieri sul letto d'ospedale che è valso più di mille parole.

Sull'ultimo editoriale ha scritto:
"Cari leonessani, non rassegnamoci ma combattiamo le difficoltà per rendere migliore Leonessa. E ricordiamoci che "Le difficoltà rafforzano la mente, come la fatica rafforza il corpo" (Seneca). "
Ci proveremo.

Buon Viaggio P.Anavio, parroco ed amico!

Alberto Paoletti


L'ultimo editoriale

"Quello che non si osa dire ... è scritto sulla nostra rivista dal 1964!"

di Anavio Pendenza

Dopo aver letto con interesse alcuni articoli del primo numero 1990 della nostra rivista, ho avvertito il desiderio di condividere con i nostri lettori alcune riflessioni. E la prima è scaturita dalla lettura dell’articolo del sindaco Ing. Galafro Conti, dal titolo "Onestà di informazione":
"La rivista «Leonessa e il suo Santo» rappresenta il cordone ombelicale tra la città e le migliaia di leonessani sparsi un po’ per tutto il mondo. Essa, entrando nelle famiglie, tiene informati tutti sulle vicende e le iniziative di casa nostra ed è capace di far prendere coscienza ad ognuno delle possibilità di sviluppo sociale, culturale ed economico del nostro comune. Per questi motivi abbiamo il dovere di amarla e sostenerla per garantirgli secoli di vita. Perché questo si verifichi è necessario che la rivista rimanga libera e obiettiva e rifugga dalle strumentalizzazioni e dalle notizie tendenziose".

Tali parole mi comunicano sia l’entusiasmo per continuare ad editare la rivista e sia il bisogno di comunicare con serenità ai nostri lettori tutto ciò che riguarda la vita di Leonessa di ieri cercare soluzioni per piccoli e grandi problemi della comunità e i sindaci scrivevano sulla nostra rivista, con un linguaggio pacato, per informare i cittadini sulle scelte più importanti e per spronarli a partecipare ad alcuni consigli comunali aperti. Oggi non esiste più quel giusto confronto perché manca il dialogo per cogliere le necessità del quotidiano del cittadino e della comunità.

Le cause di questo malessere sono numerose, mi soffermo tuttavia su una che ritengo fondamentale: il non avvicendamento di alcune persone alla direzione dei ruoli più rappresentativi sia nell’ambito civile che in quello religioso. Mi è capitato di ascoltare alcune persone delle Istituzioni che in momenti di sconforto si sono espresse più o meno con queste parole: "Forse gli altri potranno fare meglio di noi ... Forse, dopo tanti anni di responsabilità, siamo stanchi e abbiamo bisogno di riacquistare l’armonia con noi stessi, con gli altri e con Dio ... Forse dobbiamo promuovere la presenza delle donne nelle nostre istituzioni ...".

Facendo poi un confronto fra i collaboratori del 1990 con quelli di adesso, ho notato che in quegli anni erano numerosi coloro che scrivevano sulla nostra rivista, e attraverso i loro articoli si allacciavano rapporti umani con la redazione e con tutta la comunità leonessana. Oggi invece i collaboratori si possono contare sulla punta delle dita. E questo mi porta a fare la seguente amara constatazione: i nostri lettori e in particolare i giovani hanno perso l’entusiasmo di scrivere per il bene del loro paese perché già sanno di non essere ascoltati da chi amministra la "cosa pubblica".
E tale convinzione produce nella loro coscienza la sfiducia nelle istituzioni e il rifiuto dell’autorità. Ho letto poi la rubrica "Franciscu e Pippinu", due «compari» che facevano sorridere anche quando parlavano di cose che non andavano bene a Leonessa, e allora lo potevano fare anche con parole pungenti, ma il risultato era scontato: i leonessani residenti e oriundi erano uniti e pieni di creatività.

Da decenni manca questa rubrica perché le nuove generazioni hanno perso il dialetto, e così Leonessa non ha più un valido strumento di interazione sociale di attualità della loro cittadina, fatta di contraddizione ma anche di tradizione e di valori genuini. Un’ultima osservazione che vorrei fare, e non meno importante, è questa: nella rivista di oggi mancano le cronache. Le cause possono essere attribuibili allo spopolamento, ai social network o a un sito internet.

Ma questi nuovi rapporti sociali non devono allontanare i nostri giovani dalla rivista, strumento utile per conoscere la vita della nostra comunità, per riflettere sugli avvenimenti del nostro tempo e per raccontare notizie ed esporre opinioni. Questi elementi sono la «bussola» che orienta il cittadino verso un autentico pluralismo.

Cari leonessani, non rassegnamoci ma combattiamo le difficoltà per rendere migliore Leonessa. E ricordiamoci che "Le difficoltà rafforzano la mente, come la fatica rafforza il corpo" (Seneca). ____________________________________________

Il sito è stato aggiornato il programma dei

festeggiamenti in onore di San Giuseppe da Leonessa























____________________________________________

Il sito è stato aggiornato con i contenuti del numero 315,
novembre - dicembre 2017,
della rivista Leonessa e il Suo Santo















  Il nuovo calendario 2018
  può essere scaricato dalla sezione download















*****

Scarica adobe PDF reader
CSS Valido!
Sito ufficiale della rivista Leonessa e il suo Santo, Edizioni Leonessa e il Suo Santo - Leonessa (Rieti)
Padri Cappuccini Leonessa - Viale F.Crispi, 31 - 02016 Leonessa (Rieti) - e-mail: suosanto@libero.it
copyright 2017 - "Leonessa e il Suo Santo"
Salvo esplicite eccezioni, gli articoli sono liberamente riproducibili citando la fonte "www.leonessaeilsuosanto.it"