Home  | Chi siamo  | San Giuseppe da Leonessa  |   Contatti  |  Bimestrale 
 IV centenario della morte di San Giuseppe: tutte le iniziative    il logo del centenario

Di fronte all'evidenza del lavoro fatto... siano rese grazie a Dio!

Celebrato il quarto centenario della morte di S. Giuseppe da Leonessa: cronaca di tutti gli eventi




>> articolo con foto della cronaca di tutti gli eventi del centenario in formato pdf


di fra Orazio Renzetti


Il 9 agosto del 2010 ha preso corpo un Comitato promotore (Comitato promotore per il 4° Centenario della morte di San Giuseppe da Leonessa 1612-2012) che ha ricevuto il compito di costruire un itinerario spirituale che potesse aiutare a vivere meglio il 4° Centenario della morte di San Giuseppe da Leonessa. A questa commissione hanno preso parte, a vario titolo, persone di varie istituzioni che potessero rappresentare al meglio tutte le categorie impegnate, appunto per il Centenario.

Ricordo solo in particolare il vescovo emerito di Perugia, mons. Giuseppe Chiaretti come Presidente Onorario, Sua Ecc. Rev.ma mons. Delio Lucarelli, vescovo di Rieti, padre Carmine Ranieri, ministro provinciale dell'Abruzzo che riceveva l'incarico di Presidente del Comitato, ed altri membri: i frati minori cappuccini di Leonessa, dell'Umbria (padre Alberto Bordellini) e del Lazio (padre Antonio Mataloni); don Mariano Assogna in rappresentanza della Diocesi di Rieti; don Savino D'Amelio, parroco di Amatrice; rappresentanti dei comuni di Leonessa (il sindaco, Paolo Trancassini e Monica Mercuri, consigliere comunale) e di Amatrice (il vicesindaco Piergiuseppe Monteforte); Elena Rauco presidente della Pro Loco di Leonessa, la Confraternita di San Giuseppe e del Suffragio con il carissimo Giuseppe Forconi che ci ha lasciato proprio nel pieno del Centenario, rappresentanti vari della parrocchia di "San Giuseppe da Leonessa" in Leonessa: Ornella Giovannetti, Giovanna Santucci e Gabriella Zelli che ha svolto il prezioso servizio di segretaria del Comitato. Presenti anche collaboratori di padre Antonio Mataloni, Enrico Ciancarini e Cristina Conti di Civitavecchia.

Centenario che ha preso l'avvio, con una solenne concelebrazione presieduta da mons. Delio Lucarelli, presso il Santuario di San Giuseppe da Leonessa il giorno 8 gennaio 2011 (giorno della nascita di Eufranio Desideri, poi fra Giuseppe da Leonessa) e conclusasi il giorno 9 settembre 2012 con la celebrazione delle feste settembrine del Santo.

Ora, al termine del Centenario, ci preme ricordare e fare memoria con voi tutti, delle varie iniziative ed eventi salienti atti a far riscoprire la forte spiritualità del «nostro» santo Cappuccino ed aiutare noi a comprendere l'importanza dell'attualità del Santo.

Spiritualità.
La rivista "Leonessa e il suo Santo", curata da padre Anavio Pendenza, ha dato molto risalto all'evento giubilare collocando in copertina il logo del Centenario - creato dai frati Armando Nardecchia e Fabio Chiodi - e dando ampio spazio agli articoli e alle iniziative varie che hanno animato tutto il periodo giubilare. Sono state curate da padre Orante D'Agostino, con l'aiuto di collaboratori, alcune pubblicazioni utili a far conoscere meglio il pensiero di San Giuseppe e la sua profonda conoscenza evangelica.

Leonessa, 30 ottobre 2011 - Località S. Cristoforo, Celebrazione del Cammino della Pace per ricordare l'ultima benedizione del Santo prima di morire: Giuseppe Forconi, nonostante la malattia che lo porterà dopo qualche mese alla morte, partecipa alla processione e alla Santa Messa con molta devozione.

Imanoscritti consegnati in questo Centenario sono stati: "San Giuseppe, cuore tutto sacerdotale ed eucaristico", edito il giorno di giovedì santo e consegnato al clero diocesano in occasione dell'incontro del 17 maggio; "Processi di beatificazione e canonizzazione di San Giuseppe (1639-1641)"; "Discorsi domenicali e discorsi sui santi" (in due volumi, offerti dai confratelli della Provincia religiosa dell'Umbria nella persona del ministro provinciale padre Antonio Maria Tofanelli, anch'essi legati per vari motivi alla figura di san Giuseppe); padre Orante ha anche curato insieme alla professoressa Elisabetta Lomoro e a Ornella Giovanetti, un dvd di 23 minuti che ripercorre tutta la vita di san Giuseppe e le varie sue iniziative evangeliche. Per le Edizioni Velar, è stato pubblicato un libro su "San Giuseppe da Leonessa" dal dottor Luigi Nicoli e da padre Anavio Pendenza, libro della collana blu "Messaggeri d'amore" protagonisti della fede. È stato edito un libretto del Santo rosario con commenti sugli scritti di san Giuseppe da Leonessa. Varie stampe hanno riguardato altre iniziative collaterali a Leonessa e al Santuario: immaginette per l'AVIS, per i bambini di Giocando? scampagnando (28-29 maggio 2011), benedizione dei motociclisti, preghiera per il CAI; una pergamena con la benedizione di san Giuseppe utilizzata per la benedizione pasquale delle famiglie (anche da parte di fraternità della provincia d'Abruzzo); un calendario appositamente creato dalla fraternità di Penne con figure, foto e scritti di san Giuseppe. Stampate anche alcune veglie vocazionali usate per la Peregrinatio sanctae reliquiae. Formulata appositamente per il Centenario, da padre Orazio Renzetti, una preghiera approvata da mons. Lucarelli. Di spiritualità parliamo anche quando ci siamo trovati dinanzi alla mostra del pittore brasiliano Henrique Resende di Itaocara (Brasile) che ha donato tutti i suoi dipinti su san Giuseppe da Leonessa ai frati cappuccini d'Abruzzo: mostra che dal 4 febbraio 2012 è rimasta esposta presso la chiesa di San Francesco fino al termine del Centenario ed è stata molto visitata ed apprezzata.

Sopra: Leonessa - Piazza 7 Aprile: dopo la processione della festa del Santo i fedeli ascoltano il discorso tenuto da p. Carmine Ranieri, ministro provinciale dei frati d'Abruzzo. Pagina seguente: consegna del premio contro l'usura da parte del Sindaco di Leonessa e processione con la reliquia del Santo.

In vero spirito fraterno si è cercato di far conoscere al meglio la figura di san Giuseppe attraverso una Peregrinatio sanctae reliquiae Joseph ab Leonessa, cioè il reliquiario che contiene il sangue di san Giuseppe ha toccato varie fraternità dell'Abruzzo (Giulianova, Pescara, Manoppello, Avezzano- Pietraquaria, Penne e Vasto Marina) riscuotendo notevole successo, sia per la partecipazione e sia per l'apprezzamento spirituale proprio del Santo. In questo itinerario spirituale del Santo in terra d'Abruzzo si è vista gradita la partecipazione in alcuni luoghi della "Corale san Giuseppe da Leonessa" insieme a devoti e cittadini di Leonessa: la loro presenza è stata molto gradita dai frati del posto dove ci si è recati.

Convegni.

Alcuni aspetti particolari della spiritualità del Santo andavano conosciuti meglio attraverso studi specifici e per questo motivo si è dato vita ad alcuni Convegni di studio, risultati molto importanti. Proprio all'inizio del centenario si è voluto trattare il tema del Santo nel contesto Medievale e soprattutto la sua forza interiore nel decidere di combattere l'usura. Abbiamo avuto relatori del calibro del professor Luigi Pellegrini, del professor Grado Merlo ed altri. Il tema dell'economia è stato sviscerato in profondità anche in un altro convegno promosso dalla provincia religiosa dell'Emilia Romagna nella persona di padre Paolo Grasselli e curato dall'architetto Nadia Calzolari del Polo Culturale dei frati minori cappuccini, provincia che ha una missione in Turchia e quindi particolarmente legata a san Giuseppe da Leonessa. Convegno molto curato, che ha visto la partecipazione tra i relatori di padre Orante, ed è stato affiancato da una mostra di dipinti, conservati nei vari conventi della Provincia, di san Giuseppe da Leonessa. Sulla base di questa esperienza che si è tenuta a marzo a Reggio Emilia, è stata riprodotta in estate (4 agosto 2012) presso il nostro convento di Giulianova una giornata di studi sull'economia curata dal professor Carmine Di Sante e da altri relatori. Padre Orante D'Agostino ha partecipato il 28 ottobre 2011, come relatore, ad un convegno tenuto ad Otricoli in occasione del 250° anniversario dell'Oratorio.

Altri convegni tenuti a Leonessa sono stati "La ricognizione canonica dei resti mortali di san Giuseppe da Leonessa" (22 luglio 2012) che ha portato a conoscenza di tutti la ricognizione sulle reliquie del Santo. La commissione incaricata dal Vescovo Lucarelli ha visto la presenza di medici leonessani (il dottor Gaetano Costantini, il dottor Maurizio Palla, il dottor Maurizio Rosati), del dottor Paolo Villotta, Postulatore delle Cause dei Santi, di padre Paolo Maria Palombarini ed altri esperti di tale ricognizione. Il convegno ha vissuto il suo momento centrale con la presentazione del reliquiario offerto da mons. Giuseppe Chiaretti che da ora in poi custodirà la laringe ossificata di san Giuseppe, proprio a testimonianza delle sue qualità oratorie di predicatore evangelico. Reliquiario che farà bella mostra di sé nel Santuario a ricordo proprio dei quattrocento anni dalla morte del Santo.

Un ultimo, interessante convegno dal titolo "San Giuseppe e quotidiani percorsi di spiritualità", lo abbiamo avuto nel giorno di sabato 8 settembre 2012 presso il Santuario ed ha visto la partecipazione di vari relatori: il professor Alessandro Meluzzi (scrittore e psichiatra); il professor Giammarco Puntelli (critico d'arte e NLP Coach direttore artistico di Spoleto International Art Fair); la dottoressa Barbara Frale (scrittrice); il dottor Luigi Di Salvo (Success Coach e direttore Mainbrain). Il convegno è stato presentato dal dottor Luigi Nicoli ed è stato incentrato sulle testimonianze e le conoscenze dirette che i vari relatori avevano della vita di san Giuseppe da Leonessa come esperienza personale.

Sopra: Leonessa - festa di San Giuseppe, solenne processione per le vie del paese. Pagina successiva, foto sopra: Santuario, S. Messa solenne nel giorno della festa del Santo, presieduta da Mons. Delio Lucarelli. Foto sotto: convegno dal titolo "San Giuseppe e quotidiani percorsi di spiritualità"; relatori, da sinistra: Luigi Di Salvo, Giammarco Puntelli, Barbara Frale, Luigi Nicoli e il vice sindaco Alfredo Rauco.

È impossibile non ricordare qui le giornate di catechesi di padre Raniero Cantalamessa, predicatore apostolico, che ha curato una due giorni di spiritualità (16 e 17 maggio 2012) presso il Santuario di San Giuseppe sviluppando il tema: "Cristo ieri, oggi e sempre: l'evangelizzazione nel mondo moderno secolarizzato". Il primo giorno ha tenuto una animazione spirituale nell'adorazione eucaristica prendendo spunto dal libro "San Giuseppe, cuore tutto sacerdotale ed eucaristico" e che ha visto la partecipazione di numerosi frati delle provincie del Centro Italia (Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria) con la presenza di frati giovani in formazione iniziale. Il secondo giorno l'animazione, curata da don Mariano Assogna, invece, ha visto la presenza di un centinaio di sacerdoti della Diocesi di Rieti con il loro Pastore, per l'incontro mensile del Clero. Anche qui c'è stata la riflessione di padre Raniero che ha puntato molto sull'aspetto sacerdotale come servizio alla santità.

Pastorale.

Ci sono stati vari eventi che hanno coinvolto varie zone e territori riguardanti la figura di san Giuseppe ed iniziative varie che ricordiamo a memoria del Centenario. Le celebrazioni estive sono state aperte da un pellegrinaggio giubilare che ha toccato, all'interno di Leonessa, quattro luoghi fondamentali per la spiritualità del Santo.

Il pellegrinaggio svoltosi nel giorno di domenica 12 giugno, guidato spiritualmente da padre Carmine Antonio De Filippis, ministro provinciale di Roma, ha avuto inizio con il rinnovo delle promesse battesimali presso la chiesa di Santa Maria, dove san Giuseppe ha ricevuto il battesimo. Poi in processione ci siamo recati al convento dei frati per rivivere l'esperienza della vocazione religiosa. Ci sono state due testimonianze, da parte di Padre Carmine Ranieri e di Maurizio e Daniela Rosati, che hanno permesso a tutti di rileggere la propria esperienza vocazionale. Poi tutti alla chiesetta dell'Immagine per ricordare i miracoli di san Giuseppe ed in ultimo il Santuario, lì dove si dovrebbe concludere ogni cammino cristiano: la santità. Da qui verso la piazza 7 Aprile per la solenne concelebrazione conclusiva. Hanno accompagnato questo pellegrinaggio giubilare una brochure ed un libretto che sono stati offerti dalla Pro Loco di Leonessa.

Questo itinerario e per la pubblicità del Centenario, ha visto un impegno economico della Provincia d'Abruzzo dei frati minori cappuccini che ha voluto collocare dinanzi ai vari luoghi, nelle facciate delle chiese coinvolte nell'evento giubilare (vedi Leonessa, Amatrice, Cattedrale di Rieti, frazioni di Leonessa), vari stendardi ed uno striscione, risultati molto utili anche per la Peregrinatio sanctae reliquiae. Aiuti a tal proposito, sono stati offerti dal Comune di Leonessa e dalla Provincia di Rieti. In estate c'è stata una missione francescana, curata in particolar modo da padre Orazio Renzetti, su tutto il territorio di Leonessa e delle frazioni che ha visto impegnarsi numerosi frati sacerdoti, giovani frati in formazione iniziale e volenterosi di ogni età, in particolare due amici dei frati Pietro Costantini e Maria Rita Fracassi. La missione, che ha preso inizio il giorno 23 luglio 2011 con la "Notte Santa", itinerario notturno spirituale (ripetuta l'esperienza anche il 21 luglio 2012), è proseguita per due settimane con iniziative varie: adorazione eucaristica dalle 8.30 del mattino e fino alle 22 tutti i giorni; visita alle famiglie e ai malati delle frazioni, catechesi e celebrazioni eucaristiche; "Marcia della Santità": pellegrinaggio a piedi snodato tra Leonessa ed Amatrice con partenza dal Santuario di san Giuseppe (con celebrazione eucaristica alle 5.30 del mattino) ed arrivo alla chiesa dei frati cappuccini di Amatrice (ora ospedale civile), riaperta e restaurata a cura del Comune di Amatrice e della Curia diocesana. Questa iniziativa è stata realizzata sia il 28 luglio 2011 sia il 26 luglio 2012 con la possibilità di visitare la celletta che ha accolto per gli ultimi momenti il Santo di Leonessa. Don Savino D'Amelio, il parroco di Amatrice, ci ha accolto e poi guidato verso la chiesa madre per la celebrazione conclusiva presieduta da padre Carmine Ranieri. Bello ricordare che durante la celebrazione è stato fatto dono di una «fiaccola della fede» ai due comuni di Amatrice e Leonessa (sono state ritirate dai rispettivi rappresentanti: Bulzoni Mara, consigliere di Amatrice e Maurizio Rosati consigliere di Leonessa) ed al ministro provinciale, per rinnovare gesti di pace e di collaborazione.

Monte Camporsentino 20 agosto 2012: il CAI di Leonessa ha guidato escursionisti nei diversi luoghi ove il Santo impiantò la croce. Leonessa - Santuario 31 agosto 2012: celebrazione eucaristica dei vescovi dell'Umbria, presieduta da mons. Vincenzo Paglia.

Importanti le veglie di preghiere che si sono succedute ogni sera per le due settimane e a cui hanno preso parte numerosi fedeli. La missione si è conclusa con una serata di musica e testimonianza a cura di padre Emiliano Antenucci e di Tony Nevoso. In contemporanea c'è stata presso la collegiata della chiesa di San Pietro, una "Mostra della Santità" sulla figura del Beato Giovanni Paolo II; iniziativa presa dal Comune e visitata anche questa da un folto popolo di pellegrini. Sentita, come sempre, la partecipazione della comunità di Otricoli che per l'occasione del Centenario ha solennizzato la "Festa della Croce" il giorno 3 aprile 2011 in memoria proprio del Santo cappuccino che ha predicato proprio tra quelle popolazioni. Per l'occasione è stata posta a nuovo, alla venerazione del popolo otricolano, una croce che protegge il paese e ricorda il passaggio di san Giuseppe per quelle terre. A cura del cavaliere Giuseppe Forconi si era ventilata l'idea di una diretta radiofonica con Radio Maria (accordata, ma saltata il giorno 5 agosto per la venuta meno proprio dell'interessato). Il Club Alpino Italiano, che qui a Leonessa è presente con una numerosa presenza di iscritti, ha dedicato diverse giornate ed ascensioni, a cime dove san Giuseppe aveva posto delle croci: a questi appuntamenti hanno partecipato tante famiglie e numerosi bambini a testimonianza dell'interesse che san Giuseppe suscita ancora oggi in tutti. Ricordiamo la "Festa della Croce" di Collecollato (il 30 giugno-1 luglio); il Monte Cambio (tradizionale appuntamento per ricordare la "Madonna della Neve" il 4 agosto); ancora Collecollato il 12 agosto; Colle Pelato il 14 agosto; Colle La Croce di Colle Verde il 18 agosto; Camporsentino il 20 agosto; Monte Tolentino il 22 agosto; Colle La Croce di Albaneto il 26 agosto. Di pregio per questo Centenario, anche la rappresentazione teatrale "Martirio sul Bosforo", opera scritta da mons. Giuseppe Chiaretti e messa in opera dal Centro Culturale "Il Cardo"; opera che mons. Chiaretti ha voluto dedicare a tre recenti martiri: S.S. il beato Giovanni Paolo II ferito a morte da Alì Agcà il 13 maggio 1981, don Andrea Santoro ucciso il 5 febbraio 2006 a Trebisonda, il vescovo cappuccino mons. Luigi Padovese vicario apostolico dell'Anatolia ucciso il 3 giugno 2010 a Iskenderun. Ne ricordiamo e stimiamo la bellezza dei testi e la bravura dei nostri attori locali: la risposta dei presenti è stata davvero notevole nelle tre serate della rappresentazione (23-24-25 agosto 2012).

Il giorno 31 agosto 2012 Leonessa ha accolto la Conferenza Episcopale Umbra (CEU) che ha scelto, su indicazione di mons. Chiaretti, la nostra cittadina per una giornata di riflessione e spiritualità. I vescovi presenti (ricordiamo il vescovo Vincenzo Paglia, amministratore apostolico di Terni-Narni-Amelia, presidente della CEU e neo presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia; Gualtiero Bassetti, metropolita di Perugia-Città della Pieve e vice presidente della Conferenza episcopale italiana; Domenico Sorrentino, arcivescovo- vescovo di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino e vice presidente della Ceu; Renato Boccardo, arcivescovo di Spoleto-Norcia e segretario della CEU; Mario Ceccobelli, vescovo di Gubbio; Domenico Cancian, vescovo di Città di Castello; Benedetto Tuzia, vescovo di Orvieto-Todi; Gualtiero Sigismondi, vescovo di Foligno; Delio Lucarelli, vescovo di Rieti; Gino Reali, vescovo di Porto- Santa Rufina; Giuseppe Chiaretti, arcivescovo emerito di Perugia; Pietro Bottaccioli, vescovo emerito di Gubbio) hanno svolto il loro incontro, dopo un momento di preghiera, presso il nostro convento dei frati minori cappuccini, per poi recarsi al Santuario per la solenne concelebrazione presieduta da mons. Vincenzo Paglia, e che ha visto partecipare una buona rappresentanza della popolazione e della corale. I vescovi della CEU, su invito di mons. Chiaretti, hanno istituito la memoria obbligatoria di san Giuseppe da Leonessa sia per la Liturgia delle Ore, sia per la celebrazione eucaristica. Ricordiamo anche il sito di "Leonessa e il suo Santo" curato ed aggiornato con professionalità da Alberto Paoletti.

Padre Antonio Mataloni, insieme ai suoi collaboratori, sta portando avanti la domanda inoltrata presso l'autorità portuale di Civitavecchia per l'intitolazione di un molo a "San Giuseppe da Leonessa" e la realizzazione di un'edicola sacra che lo ricordi a quanti arrivano dal mare!

Citiamo qui con gioia e ringraziamento, tutti i frati italiani e stranieri che si sono recati in pellegrinaggio presso il nostro santo cappuccino, ed in particolare il ministro provinciale di Alessandria padre Antonio Tomasoni con un gruppo di confratelli della Provincia che hanno scelto di partecipare alla solenne celebrazione del 4 febbraio. Questa provincia religiosa ha come titolare san Giuseppe da Leonessa. Nonostante le forti nevicate di quei giorni, questi nostri fratelli ci hanno onorato della loro presenza gioiosa. Abbiamo avuto la visita gradita di vari pellegrinaggi, in particolare da nostri confratelli che hanno accompagnato i gruppi parrocchiali o famiglie dell'OFS: ricordiamo Penne, Pescara Colli, Vasto Marina, Amelia, etc. Domenica 16 settembre 2012 la nostra piccola cittadina ha accolto con gratitudine al Santo e sincero spirito di fraterna accoglienza, ad una settimana dalla conclusione del IV Centenario della morte di san Giuseppe da Leonessa, i Capitolari presenti all'84° Capitolo Generale dei frati minori cappuccini che si è svolto a Roma dal 19 agosto al 23 settembre 2012.

Circa 150 frati di varie nazionalità hanno invaso gioiosamente le strade di Leonessa gustando le bellezze storiche della nostra città ed hanno celebrato la Santa Messa al Santuario di San Giuseppe. La celebrazione è stata presieduta dal ministro generale dell'Ordine, padreMauro Johri (Provincia Svizzera): bellissimo messaggio spirituale che ci aiuta a meglio comprendere la bellezza di un Ordine che rende omaggio ad un figlio eletto di questa terra reatina divenuto san Giuseppe da Leonessa!


Scarica adobe PDF reader
CSS Valido!
Sito ufficiale della rivista Leonessa e il suo Santo, Edizioni Leonessa e il Suo Santo - Leonessa (Rieti)
Padri Cappuccini Leonessa - Viale F.Crispi, 31 - 02016 Leonessa (Rieti) - e-mail: suosanto@libero.it
copyright 2017 - "Leonessa e il Suo Santo"
Salvo esplicite eccezioni, gli articoli sono liberamente riproducibili citando la fonte "www.leonessaeilsuosanto.it"